Domande e risposte: la rivoluzione che verrà (e perché a rispondere non è un bibliotecario).

I’ve been tempted for quite a while to create a blog. But I was finally pushed over the edge when i realized that there are too many good ideas about how-people-search, too many fascinating tales of mystery and woe that should be told, too many little morceaux that should be shared.

Daniel M. Russell, 30 gennaio 2010.

Palo Alto High School, 29 aprile 2014. TedxYouth.
Daniel Russell ha tenuto un discorso pubblico nella classica forma del TedTalk dal titolo: The Revolution in Asking & Answering Questions.

Il leitmotiv dei 18 minuti dell’intervento si può riassumere così: la tecnologia influenza sempre di più il modo in cui formuliamo le domande e elaboriamo le risposte.

Settate il video a 720p e buona visione.

Continua a leggere “Domande e risposte: la rivoluzione che verrà (e perché a rispondere non è un bibliotecario).”

Annunci
Domande e risposte: la rivoluzione che verrà (e perché a rispondere non è un bibliotecario).

Google tracks you, DuckDuckGo doesn’t

Sono irresistibilmente attratto da qualsiasi tipo di discussione riguardante il Reference in biblioteca e l’Information Literacy. Il fatto è che il tema di questo post non tocca direttamente le due questioni. Perché allora introdurre un articolo sui pregi di un motore di ricerca come DuckDuckGo chiamando in causa due mostri sacri della professione del bibliotecario?
La realtà è che mi trovo d’accordo con chi sostiene la tesi: Information Literacy e Reference (sia esso fisico o virtuale) non possono prescindere da una seria discussione su Media e Digital Literacy.
Prima di investire le biblioteche del nuovo ruolo di community hub (luoghi deputati per lo sviluppo dell’informazione e delle reti di comunità), credo sia d’obbligo spendere qualche parola su un aspetto molto importante dell’alfabetizzazione digitale: la privacy.
Tema scottante? Molto. Un altro mostro sacro, e con questo siamo a tre. Continua a leggere “Google tracks you, DuckDuckGo doesn’t”

Google tracks you, DuckDuckGo doesn’t